Percorsi Educativi

Perchè educare il cane ?

La vita dei cani è profondamente cambiata nel corso degli ultimi anni. Da ausiliari in tante attività indispensabili, la maggior parte di loro è divenuta membro effettivo della famiglia in cui vive e tale è considerato dalla stragrande maggioranza dei proprietari.

Sul cane si riversano oggi aspettative diverse rispetto al passato, anche recente, quando il suo ruolo era ancora in buona parte legato a esigenze come la guardia, la pastorizia.


Oggi la maggior parte dei cani vive una vita meno impegnata e più inserita nella dinamiche famigliari.


Tantissimi cani seguono la loro famiglia ovunque, , in vacanza, quanti di noi portano con sé il proprio amico ogni volta che possono?


Al bar, al ristorante (anche in questo caso, sono sempre di più quelli che li accettano), nei negozi eccetera.


Ma perché questo sia possibile, è necessario che il cane sappia come comportarsi per essere ben accetto. Ecco perché educarlo è indispensabile. Ma non è la sola ragione.


Educare il cane alla vita che si troverà a condividere con noi, quindi, è necessario in primo luogo per lui, perché non debba andare incontro a disavventure anche serie o al trauma di essere rifiutato, che per un animale sociale è il peggior evento possibile.

Ma educarlo serve anche a noi, per poter godere davvero dell’incredibile contributo che il cane è in grado di dare alla nostra vita e a quella dei nostri famigliari: affetto incondizionato, compagnia, empatia, lezioni di vita, divertimento, gioco, contatto con una creatura ancora naturale.Perché rinunciare a tutto questo, se in fondo basta poco per avere accanto un amico ben inserito nella nostra vita e nella nostra società? Quel poco è soprattutto educazione e cioè,sostanzialmente, fornire al cane strumenti di autocontrollo e capacità di apprendere.Dobbiamo quindi tener presente, che il comportamento è solo il frutto di una serie di dinamiche interne, è il risultato finale delle emozioni, motivazionie livello emozionale che ha il singolo cane, è necessario quindi rivedere le vecchie modalità utilizzate per educare il cane.

Il nostro Approccio

Utilizziamo l’approccio cognitivo relazionale che riconosce al cane una mente, un mondo emotivo, un linguaggio non verbale molto più esplicito delle parole. Questo metodo definisce un modo di interpretare i comportamenti come frutto dell’espressione dello stato interno del soggetto.

Educatore Cinofilo

Approccio cognitivo Zooantropologico

Aiuto le persone a migliorare la relazione con il proprio cane